Insettario

L’insettario

Così come è stato concepito, l’insettario è una struttura dinamica, con terrani in continuo riallestimento, qualcuno vuoto in attesa di una schiusa, i più con insetti, miriapodi, molluschi e quant’altro vivi e in buona salute e spesso con più generazioni compresenti.

Un’esposizione fissa ed immutabile, infatti, se è improbabile per i vertebrati, è impossibile per animali che hanno un avvicendarsi di vita e morte molto rapido. La maggior parte degli insetti delle zone a clima temperato hanno una durata della vita limitata ad una stagione e molti insetti tropicali muoiono poco dopo l’accoppiamento.

La femmina di scorpione appena capisce che è incinta taglia la testa al maschio e le mantidi mangiano il maschio alla fine dell’accoppiamento (se non scappa in tempo); altre specie ( i grilli per esempio) evitano il sovrappopolamento eliminando individui deboli con atti di cannibalismo.

Va da sé che non si possono comprendere gli straordinari aspetti della vita e della morte guardandoli dal nostro limitato punto di vista ed ogni organismo ha una sua ragione d’essere che trascende ogni umana ragionevole spiegazione, ma che è assolutamente necessaria.

Un viaggio nel mondo degli insetti possibile tutto l’anno solo al LUDUM.

Commenta

Vai alla barra degli strumenti